La documentazione da presentare

L'apertura di un centro di revisioni è subordinata all'acquisizione della relativa Autorizzazione. Tale autorizzazione all'esecuzione delle revisioni viene rilasciata dalla Provincia di competenza e ad essa deve essere pertanto inviata  la relativa richiesta di rilascio.
E' opportuno specificare che ogni amministrazione provinciale ha delle regole che possono variare leggermente, ma esistono delle linee guida principali a cui tutti gli uffici provinciali si attengono.
Proprio di queste linee guida vi indicheremo le caratteristiche e la documentazione necessaria alla corretta presentazione di Domanda per il rilascio dell'autorizzazione alle revisioni veicoli.

Anzitutto vediamo qual'è l'iter di autorizzazione, infatti l'operatore in gioco non è soltanto l'ufficio preposto della Provincia di competenza, ma bensì anche il così detto UMC, cioè l'Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile e il CED di Roma, cioè il Centro di Elaborazione Dati della Motorizzazione Civile.
L'iter di autorizzazione pertanto ha un flusso che viene erogato in questo modo:

  1. Presentazione della domanda all'ufficio Trasporti presso la sede della Provincia di competenza
  2. Valutazione della documentazione da parte dei funzionari della Provincia di competenza
  3. La provincia richiede il Sopralluogo Tecnico alla Motorizzazione Civile
  4. Il funzionario dell' UMC esegue il sopralluogo tecnico per verificare tutti i requisiti dei locali e delle attrezzature
  5. In caso di esito positivo del sopralluogo il funzionario dell'UMC invia il verbale di verifica positiva agli uffici della Provincia e questa procede con il rilascio del numero di autorizzazione all'azienda richiedente. Nel caso il sopralluogo tecnico riscontri dei problemi, verranno indicate le azioni correttive da eseguire e sarà necessario un ulteriore sopralluogo per verificarne l'attuazione.
  6. Una volta in possesso del numero di autorizzazione, tramite apposito modello, si procede alla richiesta delle credenziali di accesso al Portale dell'Automobilista al CED
  7. Le credenziali vengono rilasciate e comunicate a mezzo FAX al richiedente solitamente in un tempo medio di 3 giorni
  8. Le credenziali consentono l'accesso ai web-service e al sito web www.ilportaledellautomobilista.it da cui sarà possibile effettuare la richiesta del PIN
  9. Il PIN richiesto, composto da 8 cifre, sarà comunicato in due gruppi da 4 cifre di cui, il primo direttamente dal sito web, il secondo inviato a mezzo e-mail all'indirizzo registrato sul sito www.ilportaledellautomobilista.it 
  10. Le informazioni ricevute (Numero di Autorizzazione, Nome utente e Password, PIN) dovranno essere inserite nel software Pc-Prenotazione per consentire il corretto funzionamento con i Web-Service de il Portale dell'Automobilista.
  11. Munirsi di Tagliandi di Revisione e Bollettini Postali e/o Conto Banco Posta

In modo molto schematico, possiamo riassumere tutto il processo in alcune fasi principali:

IterAutorizzativo

 Come si vede esistono diverse fasi e diversi operatori in gioco, ogniuno con determinati documenti da produrre e diverse modalità di presentazione di tale documentazione. Di seguito pertanto elenchiamo le documentazioni da presentare in relazione alle varie fasi dell'iter di autorizzazione e agli operatori in gioco:

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLA PROVINCIA DI COMPETENZA

Come anticipato all'inizio di questa sezione della guida, ogni Provincia ha un proprio iter e modulistica personalizzata per la presentazione della richiesta di autorizzazione, ma segue delle linee comuni a tutte le Provincie che andremo a elencare.

  • Domanda di rilascio autorizzazione per la revisione dei veicoli a motore

Il documento contiene la vera e propria richiesta di autorizzazione ed è propria per ogni Provincia, ma contiene solitamente le seguenti informazioni:

  • Dati dell'impresa / consorzio (in caso di consorzio, i dati delle imprese consorziate)
  • Dati del legale rappresentante
  • Tipo di autorizzazione richiesta ( autoveicoli e/o ciclomotori e motocicli)
  • Dati relativi al Responsabile Tecnico
  • Dati relativi ai locali (indirizzo, tipo di disponibilità (proprietà, locazione, comodato), agibilità dei locali, misure, norme di sicurezza e prevenzione incendi)
  • Dati delle attrezzature (tipo di disponibilità (proprietà, comodato, leasing), conferma attrezzatura richiesta)

 Alla Domanda di Autorizzazione andranno allegati ulteriori documenti che sono:

  • Attestazione della capacità finanziaria (come visto nella sezione Requisiti del centro di revisioni)
  • Planimetria dei locali in cui vengono effettuate le operazioni di revisione in scala 1:100, vidimata da un tecnico abilitato (Geometra/Architetto) e indicante l'esatta ubicazione delle attrezzature e strumentazioni
  • Planimetria in scala 1:500 contenentele indicazioni topografi che e catastali atte ad individuare l’ubicazione dei locali stessi e la viabilità
  • Elenco delle attrezzature omologate e i rispettivi libretti metrologici, Approvazione dei software PcP e PcS e i documenti relativi al ponte sollevatore
  • Schema e Diagramma di collegamento delle attrezzature secondo quanto previsto dalla norma MCTC-Net2
  • Dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. 445/2000 resa dal Responsabile Tecnico
  • Copia attestato del Responsabile Tecnico
  • Copia diploma di scuola superiore o università del Responsabile Tecnico
  • Domanda di collegamento al SI D.T.T (Richiesta collegamento al CED)
  • Attestazione del pagamento degli oneri di istruttoria dei procedimenti amministrativi sul c/c postale intestato alla Provincia di competenza o all'ufficio preposto della Provincia di competenza
  • Attestazione del pagamento di € 103,29 sul c/c postale n. 9001 intestato al Ministero dei Trasporti con Causale: Visita di controllo per rilascio autorizzazione all’esecuzione delle revisioni dei veicoli a motore
  • Documentazione attestante il tipo di rapporto lavorativo del Responsabile Tecnico (contratto di lavoro, C.O.L., copia busta paga)
  • Copia documento d’identità e codice fiscale del dichiarante.

 

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA ALL'ATTO DEL SOPRALLUOGO TECNICO DA PARTE DEL FUNZIONARIO DELL'UMC

Nel corso del sopralluogo tecnico il funzionario della Motorizzazione provvederà al controllo dei requisiti tecnici e pertanto:

  • Verificherà che l'area in cui è stato allestito il centro di revisioni risponda alle misure minime definite dalla normativa (Vedi Requisiti deli locali alla pagina "I Requisiti Necessari")
  • Verificherà le misure minime di sicurezza lungo il perimetro degli organi di sollevamento, che vi ricordiamo è di 60 cm e la misura della pedana del sollevatore in condizioni di massima salita ed in stazionamento, rispetto al calpestio interno del ponte (minimo 1,80 m) o in alternativa la verifica delle misure della buca di ispezione
  • Verificherà che le attrezzature installate siano conformi e che i dati riportati nelle etichette identificative corrispondano ai dati riportati nei relativi libretti metrologici
  • Accerterà che le verifiche iniziali/periodiche delle attrezzature installate siano in corso di validità
  • Verificherà la presenza dello Schema e del Diagramma di collegamento e, in taluni casi, che questi siano vidimati dall'installatore dell'attrezzatura
  • Verificherà la presenza dei certificati di approvazione dei Software PcP e PcS
  • Verificherà la documentazione di prima installazione del ponte sollevatore e tutte le dichiarazioni CE e ISPESL del sollevatore
  • In alcuni casi richiederà l'esecuzione di una prova di revisione e visionerà il relativo referto complessivo

Queste sono le attività che solitamente vengono effettuate nel corso di un sopralluogo tecnico, ma è doveroso precisare che tali operazioni e l'aggiunta o sottrazione di alcune operazioni sono a completa discrezione del funzionario della Motorizzazione o dei regolamenti locali a cui questi si attiene.

Vista la lista delle verifiche eseguite risulta chiaro che il centro dovrà essere in possesso, in sede di sopralluogo tecnico, della seguente documentazione:

  • Libretti metrologici delle apparecchiature
  • Documentazione del ponte sollevatore (Rapporto di installazione, Certificato CE, eventuale certificazione ISPESL)
  • Scheda e Diagramma di collegamento della linea revisioni conforme alle disposizione della normativa MCTC-Net2
  • Certificati di approvazione dei software PcPrenotazione e PcStazione
  • Referto di esempio di una revisione/prerevisione per ogni tipologia di veicolo per cuisi richiede l'autorizzazione (Auto benzina, auto diesel, ciclomotore, motociclo)
  • Attestazione del pagamento degli oneri di istruttoria
  • Attestazione del pagamento delle spese di sopralluogo tecnico

 

RICHIESTA DI COLLEGAMENTO AL SI DEL D.T.T. (Collegamento al Sistema Informatico del Dipartimento dei Trasporti Terrestri - CED)

La richiesta va eseguita tramite apposito modello in cui vengono indicati

  • Gli estremi del Titolare/Legale rappresentante dell'azienda
  • Gli estremi dell'azienda
  • Il numero di Autorizzazione rilasciato dalla Provincia di competenza e la data di rilascio
  • La richiesta di collegamento al Sisitema informatico e la modalità di collegamento
  • Luogo, data, firma del richiedente

Il modello deve essere indirizzato a:

Al DIPARTIMENTO DEI TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATICI E STATISTICI
Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre
Centro Elaborazioni Dati
Via G. Caraci, 36 00157 Roma ( RM )

 Ed inviato a mezzo FAX al numero di riferimento del Centro Elaborazione Dati (Richiedi la nostra consulenza) unitamente a copia dell' Autorizzazione rilasciata dalla Provincia

 

CONFIGURAZIONE SOFTWARE E INIZIO OPERATIVITA' DEL CENTRO

Come già visto nell'iter di Autorizzazione, al ricevimento del FAX di risposta dal Centro di Elaborazione Dati del DTT (Vedi esempio sotto), in cui verranno indicate le credenziali di accesso al portale ilportaledellautomobilista.it e ai relativi servizi web e web-service, cioè quelli richiamati dai sofware, non sarà più necessario presentare alcuna documentazioni alle amministrazioni, in quanto la richesta del PIN avviene in modo telematico e il PIN rilasciato risulta da subito attivo.

FaxCED

Pertanto, al ricevimento del PIN e alla conseguente corretta configurazione del Software PC Prenotazione, il Centro di Revisioni è pienamente operativo a livello autorizzativo ed informatico, ma avrà bisogno si ulteriori due strumenti per poter iniziare ad operare e questi strumenti sono:

  • Tagliandi di revisione (Da richiedere all'UMC), sono i tagliandi adesivi, stampati tramite la stampante ad aghi del centro revisioni, che andranno applicati alla carta di circolazione

 TagMCTC

Il tagliando riporta:
- La targa del veicolo
- Il codice impresa del centro di revisione che ha emesso il tagliando (Oscurato nell'esempio)
- La data di revisione
- L'esito della revisione
- Il codice antifalsificazione

  • Bollettini postali del versamento diritti MCTC o, in alternativa Crediti MCTC acquistati tramite il Portale dell'Automobilista per mezzo di un Conto Banco Posta associato all'impresa.

Nel caso di Bollettini postali, questi andranno richiesti presso gli Uffici Postali e dovranno essere Bollettini Postali in 3 parti intestati al conto corrente 9001
Banca ITB bollettino
Nel caso di Crediti prepagati, sarà possibile scegliere la modalità di pagamento degli stessi presso il portale dell'automobilista, scegliendo tra:

- L'apertura o l'utilizzo di un conto corrente postale associato all'azienda
- Effettuare il pagamento con carta di credito

 

A questo punto, il Centro di Revisioni potrà effettuare la sua PRIMA REVISIONE UFFICIALE

 

 Freccia articolo RW requisiti 300Freccia articolo fw attrezzatura 300

 

Torna in cima